1.05 // 1 MAGGIO 2017 – SPEZZONE ANTICAPITALISTA

IMG_5475

“LAVORO INTERINALE
TENTACOLO DEL CAPITALE”

Il borghesia si è appropriata – attraverso il lavoro salariato – del tempo e della salute dei nostri genitori, dei nostri nonni e così per intere generazioni addietro.

Lo sfruttamento del lavoro da parte del capitale ha assunto forme diverse nel corso degli anni, variando di maniera e di intensità in base ai limiti imposti dal rapporto di forza creato dagli operai che, uniti, hanno lottato per i propri diritti all’interno del capitalismo ma anche per costruire una società più giusta dove fosse garantito il controllo democratico dell’economia.
Ma, a partire anni 90 il baricentro del conflitto di classe alle nostre latitudini – in Svizzera come in tutta Europa – si è via via spostato sempre di più a favore dei padroni.

Se un tempo la classe operaia lottava unita per più dignità sul posto di lavoro, contro l’alienazione, per più diritti, per l’approprazione dei mezzi di produzione e in generale per la deconstruzione della gerarchia di classe, oggi la lotta – o ciò che ne rimane – si declina principalmente sulla ricerca di un posto di lavoro atto a garantire la sopravvivenza del singolo e quella della propria famiglia. Il conflitto di classe è quindi passato dall’essere una lotta globale e di “attacco”, all’essere una lotta del singolo a difesa dei pochi scampoli di diritti rimasti.
Questo contesto ha favorito fortemente la perdita di coscienza su chi sia realmente il vero nemico che spinge la classe operaia a una lotta fratricida per la sopravvivenza. Infatti – nello scontro che si crea per l’ottenimento di un posto di lavoro – s’individua spesso come “nemici”, anziché la borghesia che da questa situazione trae enormi guadagni, gli altri lavoratori che vivono la stessa drammatica situazione.

Il precariato ormai dilaga, l’incertezza lavorativa del domani è uno stato ormai vissuto come la normalità. Chi più di tutti lucra su questa situazione sono le agenzie interinali. In Svizzera, dove già i normali contratti di lavoro sono di una precarietà assoluta, queste agenzie non hanno nessun senso d’esistere.

Per questo oggi, a fronte di contratti collettivi ed iniziative che dicono di voler “regolamentare” questo mondo noi vogliamo gridare a gran voce:

Il lavoro interinale non si regolamenta: si abolisce!
Mozziamo questo tentacolo per poi abbattere il mostro capitalista

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>