19.05 // CONTRO I FASCISTI NON UN PASSO INDIETRO

17990697_1317621114960393_5690730096441419243_n

 

Settimana scorsa un gruppuscolo di estrema destra si è reso artefice di uno sgrammaticato e imbarazzante comunicato, infarcito di razzismo e  luoghi comuni, correlato da una svastica e da altri richiami all’ideologia a cui questi individui fanno capo. Resosi conto dell’eco avuto sui vari portali (online, stampa, radio e tv), il gruppo in questione ha ritenuto necessario rivendicarlo a nome dell'”Associazione Nuova Destra”.

Dopo una prima caccia al colpevole, una volta identificati i responsabili (i quali si sono del resto spontaneamente presentati in questura palesandosi sinceramente pentiti (sic!)), si è passati immediatamente a una minimizzazione dell’accaduto: nessuna presenza dell’estrema destra in Ticino, nessun rischio di violenza proveniente da questo tipo di ambiente. Una bravata di due ragazzi. Un ridimensionamento, questo, dovuto sicuramente anche al fatto che uno dei due è figlio di un noto esponente del Plr luganese che siede in Gran Consiglio.

Alla banalizzazione di quanto accaduto, però, rispondono da mesi gli stessi “camerati” dei due ragazzi di cui sopra, attraverso ripetute  aggressioni a sfondo nazista e razziale in diverse parti del Ticino, minacce costanti e vari atti intimidatori, croci celtiche e svastiche sui muri, anche in prossimità delle scuole. L’ultimo caso, probabilmente come reazione di fronte a gli ultimi avvenimenti, è successo a Biasca proprio in questi giorni.

Non ci sorprende più di tanto la volontà da parte di politici e media di nascondere l’esistenza di gruppi di estrema destra alle nostre latitudini: questi ultimi sono del resto il prodotto naturale dello stesso discorso politico che va per la maggiore in Ticino, fatto di populismo becero e razzista, di attacchi ai diritti e alle libertà fondamentali delle persone, di minacce alla diversità culturale. Non c’è da stupirsi, quindi, se il discorso dei politici e dei padroni assuma anche toni più violenti ed espliciti, come quelli palesati nel comunicato in questione.
Quel che ci preoccupa maggiormente, invece, è la risposta di buona parte della società di fronte alla simbologia fascista impiegata: con orrore,
abbiamo assistito ad un’accettazione e normalizzazione di quest’ultima, come se fosse ormai considerata acquisita e non costituisse un motivo
valido per il ripudio e l’indignazione. È proprio il silenzio e la complicità della classe politica e di buona parte della popolazione che ci allarma ulteriormente e ci sprona a rispondere su più livelli: dalla promozione di una cultura rivoluzionaria e antifascista, all’attacco diretto contro chi ha interesse a diffondere sentimenti di odio e intolleranza.

La pratica antifascista è un fattore ideologico e politico che si accompagna per sua stessa natura alle diverse lotte per il cambiamento radicale: dalla soppressione delle disuguaglianze sociali all’emancipazione degli ultimi e dei dimenticati, dall’abolizione dello sfruttamento sui posti di lavoro alla libertà di movimento per tutti e tutte. Ripudiamo il fascismo in quanto ideologia aberrante e in quanto braccio armato e strumentale del capitalismo nel processo di precarizzazione di lavoratori e disoccupati, di smantellamento delle assicurazioni sociali e di mistificazione della realtà a fini autoritari e imperialisti.

Del resto, la storia lo dimostra: il fascismo si è sempre schierato con i potenti, favorendo la perpetuazione di una società basata su disuguaglianze e ricchi sempre più ricchi sulle spalle dei lavoratori. Il fascismo ha sempre trasformato gli operai e i disoccupati in reietti della società capitalista, privi di qualsiasi diritto; ha distrutto i loro sindacati, li ha privati della libertà di sciopero, ha dilapidato i fondi delle loro assicurazioni sociali e ha trasformato le fabbriche e le officine in caserme nelle quali regnasse indisturbato l’arbitrio sfrenato dei padroni.
Non possiamo quindi dimenticare che il fascismo usa come arma i disagi sociali, mobilitando i lavoratori e gli sfruttati che nella sua ottica  non sono altro che mera carne da macello, per rafforzare il ruolo di  padroni e capitali, i quali sono i reali sostenitori di questa ideologia.

Non possiamo permettere che i fascisti si approprino delle lotte per distruggerle dall’interno, non possiamo accettare che la loro ideologia  venga considerata come accettabile in una società civile.

CONTRO FASCISMO E CAPITALE, ORGANIZZARSI E LOTTARE

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>