9.11 // SOLO LA LOTTA PAGA: LARDI NON DORMIRE SONNI TRANQUILLI, L’AUTUNNO CALDO INIZIA ORA

12195936_920078338048008_4505523753000047741_n

Il 9 novembre 2015 migliaia di lavoratori dell’edilizia stanchi dei soprusi del padronato sono scesi per le strade di Bellinzona, al fine di richiedere migliori condizioni per il rinnovo del contratto nazionale mantello del settore. Gli edili sono scesi in piazza in maniera massiccia, nonostante le pressioni fortissime subite da parte del padronato in queste ultime settimane: non solo minacce velate e frasi sibilline su a cosa si sarebbe andati incontro se si fosse deciso di aderire allo sciopero, questa volta i padroni si sono spinti più in là, facendo un autogol di dimensioni epiche, costringendo i lavoratori a firmare una petizione in cui questi dichiaravano di essere felici delle condizioni di lavoro attuali e facendo affiggere dei cartelloni della Ssic (Società svizzera degli impresari costruttori) dalle frasi altisonanti, sponsorizzando ad esempio il pensionamento dai 60 anni (e, de facto, rimettendo, nemmeno troppo velatamente, in questione il prepensionamento, punto cardine di questo sciopero).

I lavoratori hanno capito il gioco sporco e hanno aderito in massa al grande corteo che si è sviluppato per le vie di Bellinzona: girando durante la mattinata per i cantieri, la maggior parte di questi erano chiusi, talvolta con messaggi emblematici rivolti al padronato, come i caschetti da lavoro appoggiati su dei pali davanti al cancello, mentre nei pochi aperti, assistenti e padroni starnazzavano come oche impazzite alla ricerca del controllo ormai perso, minacciando e inveendo contro operai, impauriti ma risoluti nell’andarsene, e sindacato. Nonostante le pressioni, a fine mattina circa l’80% dei cantieri era chiuso e una fiumana di edili ha invaso le vie della capitale.

Il messaggio mandato dai lavoratori ai padroni è chiaro ed è stato scandito più volte durante il corteo: lotta dura senza paura. Basta con le pressioni, basta con le minacce di licenziamenti e vuoti contrattuali, basta con i profitti fatti sulle spalle dei lavoratori, basta con i tentativi di divisione della classe operaia: il vero nemico non conosce sudore, il vero nemico guadagna mentre gli edili lavorano sotto le intemperie, fino allo stremo delle forze, usurati prima del tempo da orari e mole di lavoro massacranti, per poi essere trattati come un paio di scarpe vecchie quando non sono più performanti e scattanti. E nessuno è più pronto ad accettare questo tipo di compromessi: da Chiasso ad Airolo i lavoratori l’hanno dimostrato ieri, mentre oggi e domani i loro compagni e fratelli svizzero-tedeschi e romandi lo specificheranno ancora meglio.

Partendo dalla base è possibile ricostruire quanto frazioni e politiche scellerate hanno tentato di cancellare in questi anni, una classe operaia forte e compatta contro soprusi e sfruttamento. Avanti così per la costruzione di un autunno caldo che gli impresari costruttori svizzeri difficilmente dimenticheranno.

DI SCIOPERO IN SCIOPERO,

CONTRO LARDI, CONTRO LA SSIC, CONTRO TUTTI I PADRONI, ORGANIZZARSI E LOTTARE!

 

11223695_920060984716410_96217113126884684_n

Leave a Reply

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>