12. 12 // SOLIDARIETÀ CON JONE

10407812_386213634872171_1833653506109562419_n

Il Collettivo Scintilla aderisce alla mobilitazione di Solidarietà nei confronti di Jone, compagna basca, ingiustamente accusata e perseguitata politicamente, al momento ricercata e condannata a un anno e mezzo di carcere.

” Liberare tutt* vuol dire lottare ancora”.. JONE LIBRE, NO PASARAN!


Per più informazioni: http://www.naiz.eus/eu/actualidad/noticia/20141212/he-decidido-vivir-libre-y-sera-posible-gracias-al-compromiso-de-la-gente

https://www.facebook.com/jonelibre?ref=ts&fref=ts

LU-MA 24 e 25.03 // Solidarietà con il popolo basco (Friborgo)

Nel Paese basco (Euskal Herria), territorio tra il nord dello Stato spagnolo e il sud dello Stato francese che conta circa tre milioni di abitanti, vi sono tuttora più di 600 prigionieri e prigioniere politiche. La stragrande maggioranza di essi si trova incarcerata al di fuori del territorio basco, dispersa in decine di prigioni spagnole e francesi a centinaia di kilometri dai loro familiari e amici, sottomessi alla perpetua violenza della repressione e alle costanti violazioni dei loro diritti più fondamentali.

In Euskal Herria, la repressione politica si sente nell’aria. Ancora oggi, l’attività politica “non istituzionale”, per quanto pacifica, è sufficiente per essere arrestati e considerati terroristi nell’ambito di un conflitto politico e militare tra i più duri vissuti in Europa occidenatale dalla fine della seconda guerra mondiale: quello tra il gruppo armato indipendentista “Euskadi ta Askatasuan” (Paese Basco e libertà), e le forze armate degli Stati spagnolo e francese.

Nel paese basco, la repressione non colpisce solo l’attività politica in senso stretto. La cultura basca, di origine radicalmente diversa da quella imposta dai governi occupanti durante secoli, si basa principalmente sull’utilizzo dell’euskara, lingua basca, elemento centrale dell’identità del popolo e primo bersaglio della repressione popolare che sperava che eliminando la lingua avrebbe eliminato quella comunità che da tanti secoli resisteva. Nonostante molti sforzi, la lingua è sopravvissuta alla dittatura, così come è sopravvissuta la resistenza.

La repressione politica e culturale, così come la resistenza di un popolo in lotta per il diritto all’autodeterminazione e per un’alternativa politica e economica sostenibile, saranno al centro di due giorni di festa, cultura e mobilitazione che si svolgeranno a Friborgo il lunedì 24 e il martedì 25 marzo, con il programma seguente :

 

Lunedì 24 marzo

(Centre Fries)

Inaugurazione di un esposizione di fotografie sulla storia contemporanea del popolo basco

20.00 : proiezione dei documentari “Herrialde Berdea” e “Popo”.

 

Martedì 25 marzo

(Centre Fries)

19.00 : cena popolare

21.00 : conferenza sulla storia della resistenza del popolo basco, sui tentaztivi di assimilazione, la lotta per l’autodeterminazione e la situazione attuale del processo di pace

 

(Elvis et moi)

23.00 : KaleBorrokaTrashParty

 

Sostengono e partecipano :

Euskal herriaren Lagunak Suitza (amici e amiche del Paese Basco – Svizzera), Attac, Centre Fries, Ekaitza, Collettivo Scintilla, Collectif 100Fuegos, Associazione Svizzera Cuba, Associazione degli studenti di antropologia – Friborgo.

 

flyer_definitivo

 

 

14.12 // Paese Basco : la repressione contro il movimento popolare

Il neonato collettivo Cien Fuegos, di Ginevra, organizza questo sabato alla Makhno (Usine, 4, Place des Volontaires) un’interessante conferenza sulla repressione contro la sinistra indipendentista. Parteciperanno Iratxe Urizar, avvocata e membro di dell’Osservatorio basco dei diritti umani (Behatokia) e Paul Asensio, ex-prigioniero politico e co-autore della biografia di Argala.

Alla conferenza seguirà una cena benefit per il collettivo Cien Fuegos.

paysbasqueetrepression

Per più info : 100fuegos@inventati.org